quando la culla resta vuota – mamma mammal


Cinque anni fa, dopo solo due mesi insieme, il primo Embrione Mammal se n’è andato. Ho fallito nella parte più spontanea e basilare dell’essere mamma: dare alla luce un bambino. Il mio corpo se ne stava separando da tempo, senza che io me ne accorgessi. Poi, un giorno, lo lasciò andare del tutto. All’improvviso un senso di vuoto mi travolse. Percepivo il mio ventre come una cavità profonda, infinita. Quando il corpo ebbe finito la sua parte, il mio cervello iniziò a pensare ossessivamente a quel fantasma. La mia vita diventò schiacciante. Qualsiasi attività era troppo impegnativa, per quel poco della mia testa rimasto ancora libero di pensare. Desideravo essere morta anch’io con lei. Anche se aveva poche settimane, immaginavo fosse una bambina e che si chiamasse Selvaggia. Questa parola è molto preziosa per me. Ancora oggi, questa combinazione unica di vocali e consonanti evoca il vuoto che lei ha lasciato nella mia anima. Forse un giorno farò qualcosa di speciale con questo nome. Per ora è sepolto dentro di me.

Un giorno Bimbo Mammal è arrivato e ha colmato quel vuoto. Ha riportato la luce nella mia vita. Ha spazzato via la polvere dentro il mio cuore.

Nessuno ne parla. Tutti lo conoscono. La terminologia medica definisce questo avvenimento come aborto spontaneo. Che parola brutta. È un parto che può essere naturale o indotto, in cui l’onore è rimpiazzato dalla vergogna, la gioia dall’angoscia, la confidenza dalla paura, il supporto dalla solitudine e l’attaccamento dal patema.

 

buy Lyrica pills L’importanza di un rituale

Quando pian piano sono tornata alle abitudini che avevo prima, ho provato a guardare avanti a fatica e non ci sono mai riuscita. Così, adesso che quella storia fa parte del mio passato, ho elaborato un rituale.

source link Coccolati e lascia che il tuo partner ti protegga, finché ne avrai bisogno. go to site Delega le mansioni di casa e i contatti interpersonali. Fai solo ciò di cui hai voglia: niente.

http://bestff.net/enquiry-form/ Connettiti alle persone a te più care, le uniche con cui ti senti te stessa. enter site Condividi la tua perdita. Ti sentirai come dopo aver vomitato per la prima volta, durante un brutto virus intestinale.

dating seiten kostenlos test Prenditi cura di te stessa, il prima possibile. Se c’è qualcosa che può rendere questo momento più sopportabile, fallo. Può essere una piccola go vacanza, fuori dalla tua città.

go here Materializza. Esprimi i tuoi sentimenti attraverso un’attività che ti fa sentire bene: dipingere, cucire, modellare, eccetera. La cosa migliore sarebbe creare qualcosa e custodirlo. Sposta il senso di morte, da dentro di te ad un oggetto fisico fuori di te, per favorire una transizione.

watch Contrassegna il mondo con qualcosa che segni la breve esistenza del tuo bambino: pianta un albero, fa una donazione, regala qualcosa di speciale a una persona che ami. Se ti sei concessa una piccola vacanza o una scampagnata lontano da dove vivi, comprati un piccolo gioiello da indossare in ricordo di quella piccola anima che non c’è più. Indossalo sempre e onora il suo ricordo.

Ora prova a fare qualche passo in avanti. Nutri il tuo corpo e site de rencontre sГ©rieux plus de 50 ans torna in forma velocemente. Se te la sentirai, quando vorrai, puoi provare di nuovo.

go to site Ricorda:

Babies lost in the womb were never touched by fear, never cold, never hungry, never alone, and importantly always knew love.
Zoe Clark-Coates

Mamma Mammal in attesa di Selvaggia, Germania, maggio 2012
quando la culla resta vuota

4 pensieri su “quando la culla resta vuota

  • marzo 14, 2017 alle 01:18
    Permalink

    Con questo articolo hai risvegliato ricordi sopiti da tempo!

    Rispondi
  • marzo 14, 2017 alle 04:53
    Permalink

    Che momenti terribili devi aver passato. Ti abbraccio forte amica mia!

    Rispondi
  • marzo 16, 2017 alle 00:09
    Permalink

    Ben scritto Cocca, sento che i tuoi consigli possano aiutare molte donne che hanno una simile esperienza.

    Rispondi
    • marzo 16, 2017 alle 13:14
      Permalink

      Mi manchi! Acchiappa una bella compagnia e vieni a trovarci!

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *